Cloro oltre soglia in un campione di acqua potabile a Policoro, bario e zinco presenti invece in un campione d’acqua da Matera. — Punto eBasta

il-campione-proveniente-da-Matera.jpg

I valori di cloro nell’acqua potabile sono terra di nessuno, e sul bario invece nessuno si pronuncia su origine e tossicità. Nel maggio 2016 abbiamo commissionato analisi chimiche su un campione d’acqua di rubinetto proveniente da Matera, in quanto un privato cittadino ha richiesto consigli su analisi più approfondite di quelle svolte da Acquedotto Lucano…

I valori di cloro nell’acqua potabile sono terra di nessuno, e sul bario invece nessuno si pronuncia su origine e tossicità.

Nel maggio 2016 abbiamo commissionato analisi chimiche su un campione d’acqua di rubinetto proveniente da Matera, in quanto un privato cittadino ha richiesto consigli su analisi più approfondite di quelle svolte da Acquedotto Lucano (AQL).

L’esito giuntoci a settembre, non ha destato in noi particolari preoccupazioni ma qualche dato merita comunque approfondimenti. Premesso che il gestore pubblico è responsabile della potabilità della risorsa idrica nell’ambito della rete pubblica e che quindi problemi afferenti al privato sono potenzialmente afferibili “al privato”, come le contaminazioni riconducibili a scadente qualità di rubinetteria o tubature private: le nostre analisi, che trovate allegate sotto, le abbiamo comunque girate ad Arpab ed AQL per le dovute osservazioni.

il-campione-proveniente-da-matera

L’acqua prelevata in zona Spine Bianche, ha mostrato tracce non trascurabili di: arsenico ( 3,7 mcg/l), l’onnipresente bario a 21,6 mcg/l, ferro ( oltre 59 mcg/l) e zinco 6,8. Il campione pur essendo pienamente conforme ai limiti di legge, presenta due metalli, il bario e lo zinco, che stando al dlgs 31/2001 non sono previsti all’interno dell’acqua, quindi non normati.L’esosità delle analisi ci ha impedito di trovare tutta la tabella degli elementi previsti per legge, tuttavia abbiamo ricercato un raffronto con le analisi di AQL, queste ultime molto più complete delle nostre ma prive di: data, firme, accreditamenti ed indicazione dei laboratori autori delle analisi, praticamente carta straccia, anzi “web – straccia” aggiornate al 2014, tra l’altro col solito e pericoloso metodo della media ponderata, ossia un’unica analisi a sintesi di un intero anno o di un intero mese. Non solo le analisi sono anonime in tutto, e quindi comunicate fuori dai termini di legge, ma pare che le microcistine non siano state ricercate. Degni di nota nelle vecchie analisi del 2014 di AQL, i trialometani, cancerogeni, ed il tasso di alluminio. Mentre, i tenori dei tre metalli da noi evidenziati risultano assai più bassi nelle analsi di AQL. Scorrendo diverse annualità sul sito di AQL, alla voce “etichetta trasparente” notiamo che i tassi di cloro sono stranamente sempre sotto la soglia di legge, noi invece nell’unica analisi svolta a Policoro nel gennaio 2015, abbiamo rilevato il contrario.

Prima che partisse la raccolta fondi e l’attività di questo blog, analizzammo un campione di acqua di rubinetto preveniente da un’abitazione di via Resia, a Policoro, ove il proprietario lamentava odori e colori strani nell’acqua del rubinetto. All’epoca ricercammo solo il cloro, perchè la bianca opalescenza dell’acqua ci indusse a ricercarlo e difatti il risultato del laboratorio fu di 0,25, quindi oltre la soglia di legge di 0,2. Questa analisi l’avevamo quasi dimenticata ma oggi torna attuale e visti i risultati del campione di Matera e le continue omissioni del sito di Aql, a questo punto inoltreremo alla Regione la richiesta di attuare una mappatura e dei piani di contenimento che indichino chiaramente gli abusi nell’uso di disinfettanti nelle acque potabili e  che si monitori il tasso di cloro nelle stesse, cloro che può avere un’acuta tossicità e gravi ricadute sanitarie in caso di abusi o di utilizzi massivi e rapidi.

wp_20161109_16_04_47_pro

Il sito di AQL è fermo al 2014 e la loro etichetta trasparente si riferisce più alle acque minerali che a quelle potabili. Non potendo avere un raffronto immediato dalle istituzioni, abbiamo rivolto ad Arpab ed AQL le nostre domande: ossia quale pericolosità sanitaria possano aver nel tempo esposizioni a: bario, cloro, zinco,arsenico,alluminio, ferro e trialometani in queste quantità anche se al di sotto della soglia di legge; la loro origine ed il loro andamento stagionale, nonchè il loro eventuale effetto sinergico e di accumulo nel consumatore finale e quali siano i reali usi per quantità e modalità per il cloro e derivati. In più abbiamo chiesto in quante occasioni le autorità pubbliche effettuino la ricerca di tutti le sostanze previste per legge e come sia giustificabile la contaminazione da cloro da noi riscontrata a Policoro.

via Cloro oltre soglia in un campione di acqua potabile a Policoro, bario e zinco presenti invece in un campione d’acqua da Matera. — Punto eBasta

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...