In Europa 520mila morti per inquinamento nel 2013. In Italia 91mila. Rapporto Agenzia Ue per Ambiente: “Qualità aria migliora ma non basta”. Pianura Padana tra i siti più inquinati della UE

L’Agenzia segnala come i “Livelli di inquinamento sono oltre la soglia Oms”. E l’Italia è il paese europeo in cui sono registrati più decessi in valori assoluti, anche se in rapporto al numero di abitanti sono i paesi dell’Est europeo balcanico a registrare le performance peggiori. Oggi il Parlamento Ue ha approvato una nuova direttiva per limiti più stringenti. IL RAPPORTO 23 NOV – Scende il livello dell’inquinamento atmosferico ma i danni del passato non si cancellano. E infatti nel 2013 salgono a 520 mila le morti premature dovute aria insalubre (nella precedente rilevazione erano state 491mila). A rilevarlo è l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) che rivela come “circa l’85% della popolazione urbana nell’UE è esposta a particolato fine (PM 2,5 ) a livelli ritenuti dannosi per la salute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)”.

Gli inquinanti più problematici per la salute umana (che possono causare o aggravare per esempio patologie cardiovascolari e polmonari, infarti cardiaci e le aritmie, e cancro) sono il particolato (PM), l’ozono troposferico (O3) e il biossido di azoto (NO2). Le stime dell’impatto sulla salute associato all’esposizione di lungo termine al PM2,5 mostrano che solo questo inquinante è responsabile di 436.000 morti premature in Europa nel 2013, un livello in aumento rispetto alle stime degli anni precedenti. Gli impatti stimati dell’esposizione a NO2 e O3 erano rispettivamente di circa 68.000 e 16.000 decessi prematuri.La relazione fornisce stime relative alle morti premature anche a livello nazionale dove l’Italia si colloca in testa con 91.050 morti premature stimate se consideriamo il numero assoluto dei decessi. Considerando invece l’incidenza di queste morti premature sulla popolazione sono i paesi dell’Est europeo balcanico a registrare le performance peggiori. In ogni caso l’impatto è forte anche in Germania dove si registrano 86.510 decessi, in Francia (55.130 morti) e Gran Bretagna con 50.580 (In questo caso calano)

Le aree a livello europeo più esposte sono quelle del Benelux, la nostra Pianura padana e l’area metropolitana di Londra, così come l’area della Ruhr in Germania. E soprattutto l’Est Europeo.

Migliora qualità dell’aria. La relazione mette in evidenza però che la qualità dell’aria è comunque migliorata nel corso degli anni. La media annuale PM 10 è caduta del 75% nei siti monitorati durante il periodo 2000-2014. Allo stesso modo, le concentrazioni PM 2,5 in media, sono diminuiti tra il 2006 e il 2014.

“La riduzione delle emissioni hanno portato a miglioramenti nella qualità dell’aria in Europa, ma non abbastanza per evitare danni inaccettabili per la salute umana e l’ambiente”, ha detto il direttore esecutivo del SEE Hans Bruyninckx. “Abbiamo bisogno di affrontare le cause profonde di inquinamento atmosferico, che richiede una trasformazione fondamentale e innovativo dei nostri sistemi di mobilità, dell’energia e degli alimentari. Questo processo di cambiamento richiede un intervento di tutti noi, comprese le autorità pubbliche, le imprese, i cittadini e le comunità di ricerca “.

Karmenu Vella, commissario europeo per l’Ambiente, Affari marittimi e della pesca, ha accolto con favore la relazione e ha aggiunto: “La Relazione dell’AEA di oggi sulla qualità dell’aria ci ricorda che abbiamo bisogno di mantenere questo tema in cima all’agenda politica. La Commissione europea sta facendo così, e si impegna a garantire il miglioramento della qualità dell’aria. Un modo in cui possiamo farlo è quello di aiutare i diversi livelli di governo meglio insieme. Se un sacco di punti neri qualità dell’aria nelle città, allora è chiaro che i governi locali e regionali svolgono un ruolo centrale nella ricerca di soluzioni. Questa settimana mi auguro che il Parlamento europeo oggi voterà positivamente sui nostri impegni di riduzione nella nuova direttiva limiti nazionali di emissione. Ciò fornirà indicazioni per gli attori nazionali e locali”.

Altri risultati chiave del Rapporto
– Nel 2014, il 16% della popolazione urbana nell’UE-28 è stato esposto a livelli di Pm 10 al di sopra del valore limite giornaliero UE, mentre l’8% è stato esposto al livelli di Pm 2,5 al di sopra del valore obiettivo dell’UE. Tuttavia, rispetto ai più rigorosi valori guida di qualità dell’aria fissati per proteggere la salute umana, circa il 50% e l’85% degli abitanti delle città sono stati esposti a PM 10 e PM 2,5 in concentrazioni superiori raccomandazioni dell’OMS.

  • Il biossido di azoto (No2) colpisce il sistema respiratorio direttamente, ma contribuisce anche alla formazione di PM e O 3 . Nel 2014, il 7% della popolazione urbana nell’UE-28 è stata esposta a NO2 concentrazioni superiori ai identici standard OMS e UE, con il 94% di tutti i casi di superamento che si verificano a causa del traffico.

  • Le emissioni di PM 2,5 da combustione del carbone e biomasse in famiglie e dagli edifici commerciali e istituzionali non sono diminuite in modo significativo. Per ridurre le emissioni di questi settori, è essenziale attuare pienamente le misure, come ad esempio le recenti modifiche alla direttiva sulla progettazione ecocompatibile per stufe domestiche, la direttiva Plant Mezzo di combustione, e per fornire una guida pubblico sulle buone pratiche di bruciare la casa, ecc

  • Le emissioni di ammoniaca (NH 3 ) da agricoltura rimangono elevate e contribuiscono soprattutto a livelli di PM sostenuti e una serie di episodi di alta PM in Europa.
    L’inquinamento atmosferico continua a danneggiare la vegetazione e gli ecosistemi. In questo contesto, gli inquinanti atmosferici più nocivi sono O 3 , NH 3 e NO x .

https://www.youtube.com/watch?v=dTp_I_7aN2c

23 novembre 2016
© Riproduzione riservata

Advertisements

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...