Che succede se la malattia scade sabato o domenica?

ECONOMIA
Che succede se la malattia scade sabato o domenica?

(Fotogramma)

Se sei in malattia e hai sfruttato quasi tutti i giorni di assenza che il tuo contratto collettivo ti consente prima di poter essere licenziato (cosiddetto comporto) non puoi allungare la permanenza a casa anche il sabato e la domenica. Come spiega laleggepertutti.it, secondo una recente sentenza della Cassazione, nel conteggio del periodo di comporto oltre il quale scatta il licenziamento rientrano anche i giorni non lavorativi.

La Suprema Corte torna a parlare di licenziamento del dipendente in malattia, licenziamento che può avvenire per due diverse cause: il superamento del cosiddetto comporto, ossia il limite massimo di giorni che il ccnl di categoria consente al lavoratore ai fini del diritto alla conservazione del posto di lavoro anche durante l’assenza per malattia; scaduto questo termine, se il dipendente non torna immediatamente in azienda, può essere licenziato senza bisogno che il datore dimostri la sussistenza di alcuna giusta causa; scarso rendimento, che si ha quando, pur non superato il periodo di comporto, l’assenza del dipendente crei un serio danno all’azienda per via di disfunzioni organizzative. In tal caso, però, il datore di lavoro deve dimostrare l’effettività del danno: se non lo fa, il dipendente ha diritto alla reintegra.Nella sentenza i giudici affrontano il primo dei due casi. Viene in particolare chiarito che, in presenza di una serie di certificati medici che prevedono il riposo dal lunedì al venerdì, vanno calcolati come giorni di assenza anche il sabato e la domenica. Questo significa che è necessario tornare al lavoro non appena finisce la malattia indicata sul certificato stesso e non è possibile prorogarla anche ai giorni festivi come appunto il sabato e la domenica: l’interruzione della malattia utile ai fini del comporto si ha dal giorno in cui il lavoratore riprende concretamente servizio.

Per calcolare il comporto, è necessario tenere conto anche dei giorni non lavorativi cadenti nel periodo di malattia in quanto si presume che l’assenza sia dovuta alla malattia stessa e non invece al riposo settimanale o alla festività. La presunzione di continuità della malattia, chiarisce la sentenza, opera sia per le festività e i giorni non lavorativi che cadono nel periodo della certificazione, sia nella diversa ipotesi di certificati in sequenza di cui il primo attesti la malattia sino all’ultimo giorno lavorativo che precede il riposo domenicale (ossia il venerdì) e il secondo certifichi a partire dal primo giorno lavorativo successivo alla domenica (quindi il lunedì).

IN PRATICA – Ai fini del calcolo del superamento del periodo di comporto solo la ripresa del servizio può smentire la presunzione di continuità della malattia; pertanto i soli giorni che non vanno conteggiati nella malattia sono quelli successivi al suo rientro.

Tratto da:ADnKronos

Advertisements

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita