STAR BENE.

il
15400479_1279560788772310_1452018708122309534_n-2
Immagine tratta da web by Salvatore Loviso elaborazione grafica di Antonio Morena.

Tratto da Onda Lucana by Salvatore Loviso

STAR BENE a Calvello

Avere uno stipendio, sovvenzioni, convenzioni, essere presentabili. L’unico modo per sentirsi corporalmente soddisfatti. In fondo siamo dipendenti sul piano esistenziale psico-fisico-socio-economico.
1° crea una certa confusione nel rapporto con la politica Comune-stato-Chiesa, ognuno percepisce dipendenza. Si scivola nel ruolo di SUDDITI , chi è scivolato fuori “ non si tiene conto”: “fuori sparsi”.
2° quando si osserva un gruppo si nota assenza, irritazione. Parlano di lavoro, calcio, progetti—-, ma non sono presenti. Il socializzare sembra una cosa di seconda qualità. E se tra il “dentro” e il fuori non c’è più rapporto, allora l’aria si fa irrespirabile. Si assiste allo sperpero, essendo che nessuno ha più pazienza: democrazia, quasi delinquenza.
3° volere essere più indipendenti è una maschera, una corazza emotiva.
Obiettivi sfide? Sentirsi in concorrenza? Chi può avere più successo? Paure di ritorsioni, esclusione, discriminazioni? Quali doti implica avere favori e raccomandazioni?
Sicuramente consenso e pacchetti voti, se non collaborazionismi e delazioni.
La condizione è semplice e un po’ banale, consunzione o meglio per fame, sono le soluzioni. Questi metodi sono parte del sistema. <<non allineato, o non funzionale e per questo escluso e infangato>>. Penso a chi è morto di malinconia, in solitudine, o chi si è ammalato, depresso perche discriminato. Io ho sempre vissuto a Calvello e diciamo che non sono mai stato “POLITICAMENTE CORRETTO”, ho sempre pensato con la testa mia
Guardando ai codici etici e morali della mia educazione e vivere sociale. In questo modo do fastidio oltre al fatto di non avere pacchetti voti e quindi non utile al voto di scambio.

Tratto da Onda Lucana by Salvatore Loviso

Annunci