RISORGE il SUD e il SUDISTA

il
sud-to-sud_edited_edited
Immagine tratta da repertorio Web elaborazionE grafica di Antonio Morena

Tratto da:Onda Lucana by Avv.Antonio Romano

Il SUD dimenticato dalla politica e dai politici, il SUD dimenticato dai deputati/senatori eletti a SUD. UNA VERGOGNA: desertificazione industriale, investimenti al paolo, assenza di risorse imprenditoriali e finanziarie. La povertà e la miseria si tocca con mano in special-modo nelle aree interne. Il crollo demografico poi è di tali proporzioni da riportarlo indietro nei secoli. Sottosviluppo permanente. Un parte dell’Italia immiserita da un centro/nord insaziabile che assorbe tutte le risorse finanziarie disponibili grazie soprattutto all’incapacità progettuale dei politici del Sud ed eletti dal SUD. Nelle regioni del Sud si viaggia in pullman e per arrivare a Matera, capitale della cultura europea 2019 si prende il ciuf-ciuf appulo-lucano. Un mondo separato, per parafrasare Pier Paolo Pasolini, che condiziona la fragile crescita italiana. Un mondo dimenticato, sparito dalle mappe della politica italiana, terra di approdo per i migranti in arrivo dall’Africa, terra di fuga per le giovani generazioni. IN POCHI commentarono i dati diffusi dal Censis qualche ora prima che si votasse per il referendum costituzionale. E son proprio i dati del Censis a spiegare meglio di tante analisi il voto di domenica 4 Dicembre. Gli under 35 a SUD sono una generazione dannata, stanno peggio dei loro genitori e peggio anche dei loro nonni. Ecco spiegato il gran rifiuto alle Riforme Costituzionali, all’establishment e al mondo della comunicazione che continua ad ignorare la grave situazione socio-economica del SUD. Un NOOOOOOOOO che sa tanto di ricerca di un riscatto e di una una nuova strada che dia speranza e dignità al SUD dimenticato. Ecco allora che il gran rifiuto a Renzi e alle pseudo riforme costituzionali fa affiorare sulla scena socio-culturale e politica il SUDISTA che è in ognuno di noi. Ciò sfugge a molti di noi, ma conoscerlo il SUDISTA servirà a ristabilire una rotta, a riappropriarsi di una cultura, a riprendersi la dignità, a centrare le sfide giuste, a puntare su idee buone, a rianimare un sentimento, a ripercorrere una strada comune a tutte le regioni del SUD, cambiare la storia della nostra terra, trasformandola da SUD dell’ITALIA a ITALIA del SUD.

Tratto da:Onda Lucana by Antonio Grazia Romano

Annunci