Famiglie, oltre 1 milione senza lavoro: la metà sono con figli

Oltre un milione di famiglie nel 2016 non ha potuto contare su un reddito lavoro; di queste oltre la metà è con figli. Sommando le diverse tipologie risultano in cerca di occupazione 1.085.000 famiglie, di cui 448.000 sono coppie con figli e 222.000 monogenitore. I dati sono contenuti nelle tabelle dell’ultimo rapporto Istat sui dati familiari delle forze lavoro. Quasi un altro milione di vive invece con lo stipendio della donna, che lavora a tempo pieno o part time. In particolare le famiglie monoreddito ‘rosa’ che non hanno figli 339.000 a cui si sommano quelle con figli che sono 632.000 per un totale di 971.000 nuclei.

Il confronto annuale mostra che rispetto al 2015, quando le famiglie senza lavoro erano 1.092.000, si registra una leggera diminuzione (-0,5%). La ripartizione geografica mostra che il numero maggiore di famiglie senza reddito da lavoro nel 2016 si concentra al sud, con 587.000 nuclei. Al secondo posto il nord con 300.000 unità (a cui vanno sommate le 189.000 famiglie del nord-ovest e 111.000 del nord-est); mentre al centro si collocano le restanti 198.000 famiglie.

In totale le famiglie residenti in Italia sono 25.797.000 di cui 16.501.000 presenti nel mercato del lavoro. Di queste 13.909.000 hanno tutte le forze lavoro occupate. Le famiglie senza lavoro rappresentano il 4,2% del totale delle famiglie residenti, con punte che arrivano al 7,1% nel sud, e livelli minimi che vengono raggiunti al nord (2,4%).

La difficile situazione del mezzogiorno emerge in modo ancora più evidente quando si osserva la collocazione geografica delle famiglie senza lavoro con figli, e si scopre che oltre la metà si concentra nell’area. Delle 448.000 coppie con prole ben 296.000 sono residenti al sud, a cui si aggiungono i 113.000 nuclei con un solo genitore, su un dato nazionale di 222.000 unità. Su un totale di 670.000 famiglie con figli, quindi, ben 409.000 vivono al mezzogiorno (cioè il 61%).

Tratto da:http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2017/03/21/famiglie-oltre-mln-senza-lavoro-meta-sono-con-figli_0mGqvlvpRo5Tm7OIHLfMBI.html

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...