Stufi di Facebook? Ecco come ci si cancella

a cura della redazione web

Facebook è un ottimo strumento per rimanere in contatto con le persone che amiamo, eppure chi dopo anni di chat, post e like dovesse sentire la necessità di darci un taglio può farlo, chiedendo l’eliminazione permanente del proprio account. Si tratta, tuttavia, di una scelta irreversibile, poiché una volta eliminato in modo definitivo, l’account non potrà essere riattivato e le informazioni che contiene non potranno essere recuperate.

E’ per questo che prima di procedere all’eliminazione, Facebook consiglia di scaricare sempre una copia delle proprie informazioni. Quando l’account viene eliminato, le altre persone non vedranno più l’utente. Inoltre, spiega il social di Mark Zuckerberg, per l’eliminazione dei contenuti pubblicati o di altri dati memorizzati sui sistemi di backup sono necessari fino a 90 giorni dall’inizio del processo di eliminazione. In questa fase, le informazioni saranno inaccessibili alle altre persone che usano Facebook.

Tuttavia, anche dopo l’eliminazione dell’account, alcune delle attività su Facebook che non sono memorizzate sul proprio account potrebbero continuare a essere viste dagli amici. Anche le copie di alcuni materiali (come elementi del registro) potrebbero restare memorizzate nel database di Facebook anche se non saranno associate a identificatori personali.

Per cancellare il proprio account definitivamente occorre accedere al Centro Assistenza e cliccare nella finestra ‘Gestione dell’account’. Una volta individuata la voce ‘Disattivazione o eliminazione dell’account’ appare il seguente messaggio: “Se ritieni che non utilizzerai più Facebook e desideri che il tuo account venga eliminato, ce ne occuperemo immediatamente. Tuttavia, tieni presente che non sarà possibile riattivarlo in seguito né recuperare i contenuti o le informazioni che hai inserito”. Se si è sicuri di procedere all’eliminazione, basterà quindi cliccare su ‘Elimina il mio account’.

Chi invece non fosse ancora sicuro di dire addio a Facebook, ma ha intenzione di prendere una pausa può metterlo in ‘stand-by’ chiedendo la disattivazione temporanea dell’account. Per disattivare il proprio account è sufficiente cliccare sul menu ‘Account’ in alto a destra di qualsiasi pagina Facebook, selezionare ‘Impostazioni’, cliccare su ‘Protezione’ nella colonna sinistra, selezionare ‘Disattiva il tuo account’ e seguire i passaggi per confermare.

Una volta disattivato l’account, il profilo non sarà più visibile alle altre persone su Facebook e non apparirà nella ricerca. Alcune informazioni, come i messaggi inviati agli amici, potrebbero essere ancora visibili alle altre persone. Dopo aver disattivato l’account, inoltre, è possibile riattivarlo in ogni momento effettuando l’accesso e inserendo e-mail e password. L’account verrà riattivato anche nel caso si utilizzi per accedere a Facebook o a qualche altro sito.

http://www.adnkronos.com/magazine/cybernews/2017/03/27/stufi-facebook-ecco-come-cancella_Iig4ZX5IwbSgy9AGXBJ0wJ.html

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...