POLITICA BASILICATA QUESTIONE MORALE? “A Lavello la società municipale assume tesserati del Pd”

63ba95c72cf4140f-1492005122
Antonio Annale

“E’ una coincidenza?” Il consigliere Annale chiede chiarimenti

La maggior parte del personale assunto dalla Astea, società a capitale interamente comunale, di Lavello, in provincia di Potenza, risulterebbe avere la tessera del Pd. E’ un caso fortuito, una coincidenza? A chiederselo è Antonio Annale, consigliere comunale del Psi della cittadina lucana, ed ex sindaco, il quale per fugare ogni dubbio

ha chiesto all’Amministratore dell’Astea, Azienda Servizi Territorio Energia Ambiente alcuni dati riguardanti le assunzioni nell’ultimo quadrienno presso la società in questione e l’utilizzo del personale a progetto per utilità sociale. “Certo a “pensare male, come diceva qualcuno, degli altri si fa peccato, ma a spesso ci si indovina”. Incalza Annale che sottolinea come “ancora una volta si pone il tema politico della questione etica e morale in capo al segretario cittadino nonché responsabile tecnico della società partecipata interamente dal Comune di Lavello”. “Non possiamo più consentire – aggiunge il consigliere- questa indicibile situazione che consente al segretario e al sindaco Altobello, oggi candidato alle primarie, nonché socio unico dell’AsteaA, di gestire una campagna elettorale cercando di carpire il consenso elettorale su soggetti deboli che per il solo fatto di avere necessità o meglio “bisogno” di un lavoro, li si costringe a tesserarsi per il PD. Sono quattro anni che poniamo l’attenzione sulla questione morale che interessa il Pd locale e che volutamente, crediamo, non la si vuole rimuovere, visto il momento elettorale che interessa il Partito democratico, prima con le votazioni dei tesserati, il 30 aprile prossimo con le primarie aperte e poi via verso le amministrative del 2018. Insomma un Pd sempre in campagna elettorale con i piedi ben piantati nella società Astea. Senza dimenticare che il 19 aprile prossimo scade il termine per la scelta dell’Amministratore Unico e anche questa rischia di diventare una altra occasione per scopi politici ed elettorali. L’Astea- aggiunge in conclusione Annale- non può e non deve essere utilizzata a scopi politici ed elettorali, è una azienda pubblica che deve svolgere il proprio ruolo al servizio della collettività e al personale utilizzato deve essere garantita la dignità di lavoratore e la libertà come persona, senza ricatti e costrizioni.Alla luce dei fatti negare che esiste una questione morale nel Pd di Lavello, vuol dire negare la realtà.

Mer, 12/04/2017 – 15:57
Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...