Alitalia, a rischio anche i fornitori: “Se non ci paga chiudiamo”

Non ci sono solo il futuro dei dipendenti, i maxi crediti delle banche o le risorse investite dai soci in gioco nell’ennesima crisi dell’Alitalia. A rischiare grosse perdite ci sono anche decine e decine di fornitori della compagnia, spesso piccole imprese, che non possono riscuotere quanto hanno già regolarmente fatturato. E’ il caso della System Graphic, società che fornisce stampati, inclusa la documentazione tecnica di volo che per legge deve essere a bordo degli aerei, raccontato all’Adnkronos dall’amministratore Andrea Pasquali, che denuncia: “Se i commissari non ci pagheranno, saremo costretti a chiudere“.

La storia dell’azienda è emblematica. “Siamo vecchi fornitori di Alitalia, da più di 20 anni. Abbiamo già perso molti soldi con la prima amministrazione straordinaria e ora abbiamo un credito di circa 800mila euro, una metà per fatture scadute e una metà per fatture in scadenza nei prossimi quattro mesi”, spiega Pasquali, evidenziando che la portata del credito va valutata in relazione al fatturato medio annuale dell’azienda, pari a 4-5 mln.

“Non riusciamo a parlare con i vertici, in questa fase, ma con l’ufficio acquisti e la prima linea della dirigenza, che è composta di gente seria e capace ma che non può fare altro che rispondere come sta facendo: tutti i crediti e tutte le consegne sono congelate ma si impegnano a pagare nuovi ordini in anticipo”, prosegue. Una rassicurazione che, evidentemente, non può bastare. “L’unica speranza è che la gestione commissariale possa riuscire a pagare. E che, quantomeno, si esca dal commissariamento senza liquidazione, con i crediti esigibili salvi”, dice ancora Pasquali.

Lo scenario per le imprese come la System Graphic è particolarmente difficile. “La nostra azienda, ma come la nostra ce ne sono decine di altre, non può sopravvivere a una perdita del genere“, argomenta Pasquali, che evidenzia come “un discorso è aspettare, un altro è perdere il credito”. Peraltro si tratta di un’esperienza già vissuta con la prima amministrazione straordinaria della compagnia nel 2008. “All’epoca siamo stati vicini alla chiusura, oggi senza il pagamento di quanto dovuto, chiuderemo senza alcun dubbio”, è l’amara sintesi dell’imprenditore.

La situazione in cui versano i fornitori, e di conseguenza i lavoratori di un indotto che è fatto di tante realtà simili a quella che descrive Pasquali, rischia di passare in secondo piano. “Demoralizza sapere che noi e tante altre aziende medio-piccole ci troviamo ad essere meno considerati rispetto alle esigenze di tante altre componenti, con tutto il rispetto dei dipendenti. La differenza è che loro hanno un paracadute e noi possiamo solo sperare che non accada quanto accaduto in passato”, insiste l’imprenditore che descrive lo stallo in cui si trova: “Siamo fermi, chiediamo respiro nei pagamenti ai nostri fornitori, e stiamo iniziando a valutare tagli al personale“.

Del resto, sono le stesse regole dell’amministrazione straordinaria a penalizzare i fornitori. Tutti i debiti sono congelati e i diversi creditori dovranno formulare apposite istanze di insinuazione dei loro crediti che saranno soddisfatti, in caso di loro ammissione, secondo la categoria di appartenenza e comunque dopo diverso tempo e solo in caso di capienza dell’attivo. Quanto ai contratti vigenti, sono privi di efficacia a meno di un formale subentro da parte dei Commissari.

Tratto da:http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2017/05/06/alitalia-denuncia-del-fornitore-non-paga-chiudiamo_EdehO8R5NfFZKa5sLiZHyO.html

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...