Petrolio, petizione popolare per impugnare l’intesa del ’98

il

 

somma.jpg
24 Mag 2017

Scritto da Mariolina Notargiacomo

 

POTENZA – Dal petrolio solo grane. Accordi istituzionali e leggi nazionali non hanno rappresentato una garanzia per i lucani, i quali si sono ritrovati alle prese con problemi gravi. Senza tralasciare le inchieste giudiziarie – l’ultima in ordine di tempo è di l’anno scorso e vede al banco degli imputati il cane a sei zampe – la storia di oggi non è molto differente da quella di ieri.

Lo sversamento di greggio al Centro Olio di Viggiano ha fatto risuonare il campanello d’allarme. E’ chiaro che c’è chi continua senza remore a infischiarsi delle regole, che a questo punto vanno riscritte e non solo. E’ necessaria una pianificazione e riprogrammazione dell’intero sistema di produzione energetica in regione, che prescinda dal petrolio. L’istanza non è nuova: avanzata da tempo da più parti e in svariate sedi. Non ultima quella che ha visto di recente a Spinoso numerose associazioni ambientaliste, compresa Libera, alzare la voce in tal senso. Ed è un obiettivo diventato nucleo dei manifesti stilati in modo unanime dalle organizzazioni sindacali. Ai numerosi appelli fa seguito un’iniziativa che, questa volta, chiama in causa direttamente i cittadini, ai quali “Comunità Lucana – Movimento No Oil” si rivolge invitandoli a sottoscrivere una petizione popolare, con la quale “viene chiesto al presidente della Giunta e al Consiglio regionale di Basilicata la messa in mora e l’impugnativa degli accordi sottoscritti con Eni nel 1998.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...