AD ETTORE (FIGLIO DI PRIAMO)

Triumphant_Achilles_in_Achilleion_levelled.jpg
Immagine tratta da Web.

Tratto da:Onda Lucana by Gerardo Renna

AD ETTORE (FIGLIO DI PRIAMO)

Quando a scuola andavo e l’Iliade studiavo,

tra gli altri eroi di quella lunga e logorante guerra,

te più degli altri ammiravo.

Un principe troiano eri,

le battaglie evitare potevi.

Ma tu questo non volevi.

Ed innanzi a tutti a pugnare accorrevi

Per difendere la tua patria, la tua casa e la tua famiglia,

sempre prontamente accorrevi!

Tanti di quei feroci Greci invasori sterminavi con furore!

Quegli agguerriti eserciti

che, con la motivazione banale

di quel rapimento fatale,

molti lutti ai Troiani

ed alle loro stesse famiglie apportavano!

Un giorno, però, che Patroclo ammazzasti,

credendo fosse Achille,

il tuo acerrimo-invincibile (*) nemico,

la sua ira provocasti

ed in un drammatico duello,

la vita, valorosamente, perdesti.

La vita perdesti, per difendere il tuo mare,

la tua terra e la tua gente a te tanto cari!

Cervia, 28 giugno 2015, ore 17,55

(*) Invincibile: secondo la leggenda, fu reso immortale dalla dea Athena (Minerva), che, appena nato, o immerso nel mare, tenendolo per il tallone.

Perciò solo il tallone rimase vulnerabile.

Ciò gli fu fatale, ché proprio in quel punto fu ucciso da una freccia, scoccata da Paride, fratello di Ettore, vendicando così l’uccisione del fratello.

Ettore un eroe, figlio primogenito di Priamo, re di Troia, e di Ecuba.

Era sposo di Andromaca e padre di Astianatte.

 Nell’Iliade Ettore, per non lasciare che i nemici prendano il sopravvento, li affronta per salvare la sua gente e la sua patria.

Sa essere in battaglia un guerriero terribile, forte e valoroso, ma a volte si vede anche indietreggiare.

Durante la lotta contro il prode Achille inizialmente si dà alla fuga,

poi prende coraggio e affronta il suo grande nemico in un duello per lui mortale.

Partecipò alla guerra di Troia e fu il più importante difensore della città prima di essere ucciso in combattimento da Achille,

 rabbioso con lui per l’uccisione di Patroclo.

Le sue vicende sono narrate principalmente nell’Iliade di Omero, di cui è uno dei personaggi principali.

Tratto da:Onda Lucana by Gerardo Renna

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...