LA VALIGIA DI CARTONE

il
5658101642_d61aafa390_b.jpg
Immagine tratta da Web.

Tratto da:Onda Lucana by Gerardo Renna

LA VALIGIA DI CARTONE

Dal paese su in collina

con la valigia in mano e il cuor pien di spine

alla stazione, fiducioso, scende l’emigrante!

Scuro in viso, il treno aspetta che lento avanza nella steppa! (1)

Melanconico ed assente, ora è solo fra la gente!

Solo! L’animo triste e vuoto!

Senza amici, né parenti, che già lontani sono.

A sedere neanche un posto trova, così la sua pena… sale sale ancora!

Dopo un tratto del suo percorso, scender deve per cambiare treno.

In un’altra stazione or si trova con la sua valigia di cartone!

Frastornato e scosso, purtroppo ancora gli tocca d’aspettare

un altro treno che tarda ad arrivare!

L’attesa sempre più gli pesa, ché la testa di pensieri si fa greve…!

L’altoparlante finalmente quest’attesa rompe,

anche se i timpani strazia lacerante!

La sua valigia allor afferra l’emigrante

ratto a salir su quel treno gigante!

Ma presto circondato si trova

da ogni dove dalla gente, che frenetica lo spinge,

come del mare l’onda e i cavalloni!

Di nuovo sul treno or si ritrova.

In piedi ancora, fra tanta gente,

solo con i suoi pensieri e la sua valigia di cartone!

(Funo di Argelato, Agosto 1989)

(1) – steppa: termine usato qui per indicare della campagna arida o ricoperta solo di stoppia!

Tratto da:Onda Lucana by Gerardo Renna

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...