Ennesimo pasticcio Arpab: condannata per la nomina illecita della dirigente Bianchini

Il Consiglio di Stato ha annullato la procedura concorsuale di nomina dell’architetto Adriana Bianchini, dirigente dell’ Ufficio “Sistema Informativo Territoriale e Modellistica Ambientale”, ossia uno di quegli uffici di cui non abbiamo capito utilità, fini, ed obiettivi raggiunti visto tra l’altro la formazione e gli hobby della Bianchini. L’unica cosa che sappiamo della Bianchini, oltre ad essere architetto, è appassionata di stampa 3d, come da video sotto allegato, ove lei appare esperta di stampanti 3D e sviluppi concettuali per le imprese. Praticamente in Arpab serviva un esperta di design e marketing, aspettiamo adesso un concorso su un esperto di Feng Shui che monitori le AIA.

L’evento si chiamava Woman in Wine, tenuto nel 2015 a Venosa, supportato dalla Camera di Commercio di Potenza: che strane le porte girevoli lucane; Somma A.D. di Tecnoparco anche presidente della camera di commercio di potenza, la quale supporta iniziative economiche ove compaiono personaggi che saranno a breve dirigenti di Arpab, sciolti in pubblico quando parlano da privati professionisti, invisibili quando sono sulla carta “difensori dell’ambiente”.

La sentenza, sotto allegata, che vi suggeriamo di leggere per intero perchè striglia fortemente il TAR Basilicata che aveva in soldoni confermato la nomina della Bianchini, riporta che la Bianchini non avrebbe i presupposti di legge per essere nominata e che la commissione di valutazione, sotto l’epoca Sigillito e con la presidenza di Gaetano Santarsia, avrebbe non visto questa discrepanza nei requisiti professionali d’ammissione, impugnati dal secondo arrivato. In pratica la Bianchini avrebbe scambiato le sue partecipazioni ” a gettone ” nella commissione regionale per i beni culturali ed ambientali come lavoro subordinato. Ovviamente l’Arpab adesso deve sganciare 3mila euro per le spese legali dell’appellante, soldi nostri.

Ignoti i danni ambientali di queste negligenze, intanto il cittadino paga le nomine “ad capocchiam” di Arpab, bene, avanti così in attesa un domani di leggere qualcosa sulle “aderenze” o la situazione economica di questi giudici del TAR Basilicata, che tante, forse troppe volte hanno dato ragione in passato a potenti ed inquinatori…

 

via Ennesimo pasticcio Arpab: condannata per la nomina illecita della dirigente Bianchini — Punto eBasta

 

http://analizebasilicata.altervista.org/blog/ennesimo-pasticcio-arpab-condannata-per-la-nomina-illecita-della-dirigente-bianchini/

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...