Fondi pensione UE a costi ridotti: tassazione, regole, vantaggi.

Da qui ai prossimi 50 anni la proporzione tra pensionati e lavoratori raddoppierà. Per fronteggiare questa nuova sfida demografica, con i singoli paesi, in sofferenza e chiamati a fare i conti con le difficoltà economiche sempre più pressanti, e le rendite pensionistiche che fanno (e, presumibilmente, faranno sempre più) fatica a garantire uno stile di vita decoroso, la Commissione Ue ha pensato di lanciare dei fondi pensione europei uguali per tutti i paesi. Obiettivo? Incentivare i lavoratori a creare degli schemi pensionistici individuali. Una proposta volta a creare un mercato unico previdenziale, con trattamento fiscale omogeneo in tutta l’Unione europea. Un’Europa sempre più senza frontiere, insomma, perché questi nuovi prodotti, a differenza degli schemi attuali, saranno portabili all’estero.

VANTAGGI E TUTELE – I PEPP sono un classico prodotto di previdenza complementare, studiato però a misura di cittadino europeo (può essere facilmente trasferito da un paese all’altro, comporta il vantaggio di un mercato di riferimento su scala continentale, ha un elevato livello di protezione). Il risparmiatore gode di una serie di tutele, per cui nel caso di default gli viene assicurato almeno il recupero del capitale iniziale. I PEPP possono rappresentare una soluzione anche per disoccupati, imprenditori o autonomi senza un piano di previdenza. Ed è un’opzione di investimento sicura per i giovani, che se entrano presto avranno poi una pensione integrativa più alta. Viene anche favorita la portabilità con un’opzione quinquennale esercitando la quale si cambia gestore a prezzo contenuto.

TASSAZIONE – La proposta di regolamento PEPP è accompagnata da una raccomandazione della Commissione sul trattamento fiscale dei prodotti pensionistici individuali, che incoraggia gli Stati membri a riservare ai PEPP lo stesso trattamento fiscale concesso ai prodotti nazionali analoghi esistenti, anche se il PEPP non soddisfa pienamente i criteri nazionali per gli sgravi fiscali. Sono inoltre invitati a scambiare le migliori pratiche concernenti la tassazione dei loro attuali prodotti pensionistici individuali, con l’obiettivo di favorire la convergenza dei regimi fiscali.

REGOLE – Sono previsti requisiti di informazione e norme di distribuzione rigorose, anche online. Per offrire il PEPP, i fornitori dovranno essere autorizzati dall’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA). I fornitori offrono i PEPP in diversi Stati membri, hanno un canale di distribuzione elettronica in grado di raggiungere tutta l’UE, prevedono diverse opzioni per i pagamenti alla fine della durata di vita dei prodotti. E beneficiano di una sorta di passaporto UE per agevolare la distribuzione transfrontaliera.

OBIETTIVI – I PEPP vanno incontro a due fondamentali esigenze su cui lavora la commissione UE: la creazione di un mercato unico dei capitali e lo stimola alla previdenza complementare. Al momento solo il 27 % degli Europei fra i 25 e i 59 anni sono iscritti ad un piano pensionistico, una percentuale che ben rappresenta le potenzialità del mercato. Secondo le analisi della Commissione, il mercato della previdenza complementare in Europa oggi vale 700 miliardi, e le previsioni vedono una crescita esponenziale che, nel 2030, porterà gli asset a 3mila 500 miliardi, di cui 2mila 100 relativo ai PEPP.

Leggi anche:
Pensioni, stop all’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni
I requisiti per la pensione dal 2017 in poi 
Pensioni INPS, salario minimo e contributi ai giovani. Le ricette di Tito Boeri
Pensione anticipata, domande al via: ecco gli esclusi 
Pensioni, allo studio del Governo aumento dell’età minima a 67 anni (dal 2019)
Pensione anticipata, in quali casi la banca può respingere la richiesta
Pensione anticipata, APe volontaria: nuove regole e costi
Calcola l’età pensionabile

via Fondi pensione UE a costi ridotti: tassazione, regole, vantaggi — QuiFinanza

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...