Gli immigrati ci pagheranno la pensione: parola di Inps.

Tito Boeri, l’economista nominato da Matteo Renzi alla guida dell’Inps, aveva fatto già discutere con un rapporto dell’Istituto previdenziale in cui diceva che se l’Italia avesse bloccato l’arrivo di extracomunitari, il nostro sistema contributivo sarebbe imploso per la successiva mancanza di 38 miliardi di euro. Boeri ha poi ripetuto l’exploit di polemiche quando, in audizione alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza dei migranti, ha voluto ribadire il concetto espresso nella relazione, soffermandosi sugli immigrati regolari e sul loro contributo sociale.
L’immigrazione regolare contribuisce a finanziare il nostro sistema pensionistico in quanto nell’immediato si ha un aumento delle entrate contributive, mentre le prestazioni a queste associate vengono erogate solo in un secondo momento. Secondo le nostre stime, il saldo per gli immigrati è nettamente positivo. Sin qui gli immigrati ci hanno regalato circa un punto di Pil di contributi sociali a fronte dei quali non sono state loro erogate pensioniIn particolare gli immigrati regolari versano ogni anno 8 miliardi di contributi sociali e ne ricevono tre.
Per Carità, i numeri sono numeri, ma è evidente come il presidente dell’Inps tenti di giustificare gli sbarchi facendoli passare quale una manna dal cielo per i conti della previdenza italiana. Difende strenuamente una tesi che sembra guardare in un’unica direzione. Vi sono infatti anche altri costi da considerare prima di avventurarsi in esternazioni di questo genere, spacciate poi come dogmi da una certa parte politica.

Boeri parte dal discutibile presupposto che la maggioranza di quelli che arrivano sulle coste italiane è fatta di giovani che lavoreranno a lungo prima di raggiungere l’età pensionabile e che molti di loro torneranno in patria prima di maturare i requisiti per l’ottenimento dell’indennità sociale. Sono due ragioni oggettive, ma alquanto deboli, perché confidano nella speranza che le abitudini degli immigrati non si conformino alle nostre e che l’esodo di massa continui senza sfociare nella stanzialità. Boeri sembra avere un approccio quasi dottrinale alla questione e lo giustifica usando cifre corrette nella forma, ma che nella sostanza si legano solo al breve e non al medio o al lungo periodo.

La pensa così Alberto Brambilla, presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, che sulle colonne de Il Foglio smonta il pensiero di Boeri: Sarei prudente a sostenere queste posizioni, che mi sembrano più ideologiche che basate sullo stato attuale dei fatti. I dati ci dicono che l’immigrazione è attualmente un costo per lo Stato. D’altra parte l’immigrazione è per sua natura un investimento ma l’investimento della Germania non è lo stesso di quello italiano se si considera che da noi gli immigrati sono occupati prevalentemente nella manovalanza a basso prezzo, spesso sfruttati da qualche italiano furbo che li fa lavorare in nero, generando l’effetto di abbassare gli standard lavorativi per tutti. Ecco perché poi si dice che certi lavori gli italiani non li fanno più.

E rincara la dose: Bisogna investire nelle politiche di sostegno alla maternità, con interventi organici che non si riducano a semplici bonus. Ma anche riducendo il costo del lavoro per permettere ai nostri ragazzi di accedere al mercato del lavoro, tagliando la componente fiscale. Così possiamo portare sviluppo al paese, scegliendo di investire in maniera diversa i costi che già oggi sosteniamo come ad esempio quelli per l’accoglienza e a quelle spese per sostenere l’immigrazione che si è ormai stabilizzata.Quindi per Brambilla il costo totale della gestione dell’immigrazione è ben più alto dei 38 miliardi di euro che produce. Certo, di questi miliardi alcuni verrebbero poi recuperati in quanto versato dalle migliaia di cittadini che non accedono alle mansioni oggi affidate quasi esclusivamente agli immigrati: La gran parte dei lavori che gli immigrati svolgono sono in nero ed è lo stesso Stato a non essere in grado di portare ordine e giustizia. La teoria di Boeri è persa in partenza proprio perché è lo Stato italiano a non poter controllare i lavoratori sfruttati nei nostri campi in sud Italia o le tasse che dovrebbero pagare i negozi gestiti da stranieri.

Secondo i dati Inps, nel 2015 erano 81.619 gli stranieri che percepivano una pensione in Italia. Di questi, 49.852 (il 61%) incassano pensioni assistenziali che non prevedono il versamento di alcun contributo. Altri 9.071 ricevono assegni di indennità o civili e solo nei casi di incidenti sul lavoro il soggetto garantito ha l’obbligo di aver versato contributi all’Inps. Insomma, se il buon giorno si vede dal mattino — e questi dovrebbero essere numeri che comprendono in piccola parte i primi sbarchi risalenti a qualche decennio fa — allora non si possono condividere le beate certezze di Boeri. Ma soprattutto da un dirigente di alto livello come lui ci si attende non la fiducia nelle buone intenzioni dei giovani africani, ma lo sforzo concreto di disegnare soluzioni alternative per gestire un’emergenza umanitaria che si sta trasformando sempre più rapidamente in un disastro sociale per la nostra Penisola.

via Gli immigrati ci pagheranno la pensione: parola di Inps — La Svolta

Fonte:https://lasvolta2017.com/2017/07/26/gli-immigrati-ci-pagheranno-la-pensione-parola-di-inps/

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...