Gli scali ferrioviari lucani sono abbandonati al degrado — Basilicata24

Rfi non mantiene le promesse: “La manutenzione è affidata ai vandali”

Ultima modifica Sab, 29/07/2017 – 14:43 di Basilicata24 amministratore

Siamo tornati a vedere, dopo aver denunciato lo stato di degrado e abbandono di molti edifici delle Ferrovie dello Stato, se qualcosa è migliorato. Abbiamo scelto tra tutti i 36 scali lucani quelli messi peggio convinti che, dopo l’invito a bonificare ambienti e strutture allo sfascio, l’azienda avesse nel frattempo provveduto. Dodici mesi fa l’analisi che uscì da resoconti e reportage fotografici fu desolante: muri imbrattati, sottopassi usati come gabinetti, wc chiusi o malmessi, infiltrazioni d’acqua nelle murature, escrementi di volatili sui marciapiedi, rifiuti ovunque, magazzini vandalizzati, lampioni non funzionanti, concentrazione di barriere architettoniche più che in ogni altro luogo pubblico. Tante cose non andavano e l’abbiamo dimostrato aiutati da fotografie che dicevano più delle parole. La situazione che abbiamo (ri)trovato è, esclusi pochi casi, ancora la stessa. E non va bene. Non va bene soprattutto perchè fu la stessa Rfi a dare una serie di garanzie. Ad esempio: la maggior parte delle stazioni non è più presenzita da personale ma questo, dissero, «non significa averle abbandonate perchè verifichiamo caso per caso la possibilità di valorizzarle con l’apertura di bar, edicole o altri esercizi commerciali. Se poi questo non è possibile, Rfi si attiva con enti locali o associazioni no profit per cedere, in comodato gratuito, i locali non più funzionali all’attività ferroviaria in cambio di piccola manutenzione. Se anche questo non è realizzabile», spiegava sempre Rfi, «attrezziamo pensiline aperte attrezzate o aree per l’attesa negli atrii: ciò permette di garantire ai passeggeri il riparo dagli agenti atmosferici e il decoro delle strutture». Non è così. L’avevamo detto un anno fa e lo ripetiamo oggi: le stazioni non presenziate sono in balìa di vandali, incuria, degrado; anche quelle concesse a enti pubblici in realtà sono decadenti e bersaglio di atti distruttivi. Risulta difficile capire perchè Rfi non riesca nemmeno a sistemare una lampadina in tempi celeri. Se non si interviene a difendere queste strutture, a dare loro di nuovo una funzione sociale mettendole a disposizione della comunità, torneremo anche l’anno prossimo a raccontare di infrastrutture fatiscenti, a pezzi. Il guaio è che la gente in treno ci va, in stazione ci vive e, a fronte di un servizio che paga caro, ha in cambio ambienti e strutture inadeguate, tristi, decadenti. Spesso, troppo spesso, di fronte all’arrogante insensibilità degli amministratori che tocchiamo regolarmente con mano, ci viene da chiederci: ma Rfi fa manutenzione? Come la fa? Dov’è finita la Regione Basilicata? Non è una minaccia ma una promessa: torneremo di nuovo, tra un anno, a parlare di stazioni dimenticate.

I non pendolari di Basilicata: Davide Mecca, Gerardo Petruzzi, Stefano Amelii, Antonio Pappano, Maria Sabina Lembo, Sabrina Tagliaferri, Francesca Palumbo, Luigi Insetti, Antonio Di Bello, Aurelio Strollo, Eleonora Mari, Cosimo D’elia.

via Gli scali ferrioviari lucani sono abbandonati al degrado — Basilicata24

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...