Libia, il generale Haftar ordina di: “Bombardare le navi italiane”

Il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, e rivale del premier Fayez al Sarraj, fa carta straccia dell’intesa raggiunta nei giorni scorsi.

E, dopo la passerella di Parigi al fianco del presidente francese Emmanuel Macron, ha ordinato alle sue forze aeree di bombardare qualsiasi nave militare italiana entrata nelle acque territoriali libiche su richiesta di Sarraj. Proprio oggi pomeriggio, dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni, la nave “Comandante Borsini” è, infatti, entrata nelle acque libiche. D

opo aver ricevuto il via libero del parlamento, nel pomeriggio la nave Comandante Borsini, già impiegata nell’ambito del dispositivo dell’operazione “Mare Sicuro”, è entrata nelle acque territoriali libiche, dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni, facendo rotta verso il porto della città di Tripoli. A bordo, come ha reso noto lo Stato Maggiore della Difesa, è imbarcato il nucleo di ricognizione, costituito da Ufficiali del Comando Operativo di Vertice Interforze e della Squadra Navale, che ha ricevuto il compito di “condurre, congiuntamente con i rappresentanti della Marina e della Guardia Costiera libiche, le necessarie attività di ricognizione e di definire le ultime modalità di dettaglio per quanto attiene alle misure di coordinamento delle successive attività di supporto e di sostegno, che avverranno su richiesta della controparte”. L’obiettivo è duplice: combattere i trafficanti di esseri umani e controllare i flussi degli immigrati irregolari. “Non è una missione aggressiva – ha garantito il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante la visita al Comando operativo interforze – ma una missione di sostegno alla fragile sovranità di quel paese e delle autorità libiche”.

E, sebbene la missione italiana non abbia intenti aggressivi, il generale Haftar è pronto ad accogliere le nostre navi con le bombe delle forze aeree. Come riferito dall’emittente araba Al Arabiya, che ricorda che oggi è già entrato nelle acque libiche un pattugliatore d’altura italiano, l’ordine del rivale di Sarraj esclude dall’attacco soltanto le navi commerciali. Sentite dall’agenzia Agi, fonti governative italiane hanno definito la notizia di minacce all’Italia “inattendibile” e “infondata”.

fonte: il giornale.it

 

via Libia, il generale Haftar ordina di: “Bombardare le navi italiane” — Cagliari Post

Fonte:https://cagliaripost.com/2017/08/03/libia-il-generale-haftar-ordina-di-bombardare-le-navi-italiane/

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...