Ricerca idrocarburi: IDV, dopo impugnativa decreto Mise adeguare strategia regione .

tecnici-Ispra-al-cova-34-e1495794996825-1-660x330.jpg

 4 agosto 2017

Dopo la decisione di impugnare il decreto del ministero dello Sviluppo  Economico del 7 dicembre 2016 che definisce il disciplinare per il rilascio e l’esercizio dei titoli minerari e di ricerca e coltivazione di idrocarburi, decisione che la Basilicata ha assunto insieme ad altre cinque Regioni, è necessario riadeguare la strategia energetica regionale aggiornandola per far fronte al nuovo scontro istituzionale che si profila con il Governo. Lo sostiene la segreteria regionale di Italia dei Valori aggiungendo che, come ha riconosciuto la Corte Costituzionale, il Governo ha sbagliato ad escludere le Regioni dal procedimento per assegnare le nuove concessioni alle attività nel settore degli idrocarburi. L’attenzione politica ed istituzionale su questo versante deve rimanere alta; chiediamo a Giunta e Consiglio Regionali di adottare tutte le iniziative, anche processuali, dirette a tutelare le prerogative della Regione sulle iniziative di ricerca e sfruttamento di idrocarburi sul nostro territorio. Quando ci sono attività che impattano sull’ambiente, sul paesaggio, sull’economia turistica del nostro territorio – continua la nota di IdV – non si può delegare al potere centralista. Pertanto va affermato sempre il principio di coinvolgimento nelle scelte per essere messi in grado di esprimersi, dopo gli opportuni approfondimenti. A noi preme soprattutto garantire la partecipazione dei territori alle decisioni che riguardano alcuni temi come quello ambientale, dove devono ridiventare protagonisti gli enti locali, tra cui i comuni interessati, e le comunità locali.

Nel sottolineare che l’annullamento del decreto dovrebbe determinare lo stop delle richieste di nuovi permessi e concessioni fino a quando i contenuti di un prossimo decreto non siano concertati tra lo Stato e le Regioni, la segreteria IdV evidenzia l’obiettivo di fare in modo che la ricerca degli idrocarburi non sia in antitesi con il modello di sviluppo eco sostenibile da realizzare. Una decisa programmazione energetica  attraverso la realizzazione del distretto energetico lucano deve poter prevedere: – l’incentivazione delle energie rinnovabili e dell’energia elettrica basata sull’idrogeno e su altre fonti pulite; – l’incremento dell’utilizzo del solare termico e del fotovoltaico sui tetti degli edifici privati e pubblici per la generazione di acqua calda, per il riscaldamento domestico e per la produzione di energia; – il sostegno agli investimenti diretti al risparmio energetico e alla certificazione energetica degli edifici; – l’ammodernamento delle infrastrutture energetiche e il miglioramento dell’efficienza delle reti di distribuzione dell’energia; – l’aiuto alla ricerca per lo sviluppo di tecnologie ad elevata efficienza energetica e a basse emissioni inquinanti; – campagne informative per l’uso efficiente e razionale delle risorse energetiche.

via Ricerca idrocarburi: IDV, dopo impugnativa decreto Mise adeguare strategia regione — La Gazzetta della Val d’Agri

Fonte:http://www.gazzettadellavaldagri.it/ricerca-idrocarburi-idv-impugnativa-decreto-mise-adeguare-strategia-regione/

Annunci

Autore: ondalucana

Dialetto: Basilicata GENTE LUCANA Addonne la sconto la canosco subbito dda facci, si è 'nna facci nosta, re gente re Lucania. Dda facci porta stampati inta l'uocchi e segnati 'ncoppa le mmano le pene e l'affanni ca ra megliara r'anni se port'accovati 'mpietto. Scurnuso, inta ddi silienzii suoi tene 'mmescati ruluri e speranze. Li cieli, le terre, li sapuri, le feste, li lutti, l'amuri, sempe se port'appriesso inta la sacca ca sulo iddo nge pòte rozzolà. So' 'mmiriane ca re sfilano ppe 'ncapo com'à li grani re 'nno rosario e se stampano 'nfacci e chi lo tenemente nun sape mai si chiange o si rire. Tène l'uocchi ruci tène la facci aperta, puri si è scura. E' la facci re gente re Lucania ca se 'mpotào cca venenno ra terre lontane, tanto lontane. Traduzione in italiano GENTE LUCANA Laddove la incontro la conosco subito quella faccia, se è una faccia nostra di gente di Lucania. Quella faccia porta stampati negli occhi e segnati sulle mani le pene e gli affanni che da migliaia d'anni porta stipati in petto. Timido, nei suoi silenzi nasconde mescolati dolori e speranze. I cieli, le terre, i sapori, le feste, i lutti, gli amori, sempre se li porta dietro nella tasca e soltanto lui può rovistarvi. Sono fantasmi che gli sorrono in testa come i grani di un rosario e si manifestano in faccia e chi lo osserva non sa bene se piange o se ride. Tiene gli occhi dolci tiene il viso aperto, anche se scuro. E' il viso della gente di Lucania che si fermò qua venendo da terre lontane, molto lontane. Poesia inviata da: Giuseppe De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...