MISTO DI SUINO (SALSICCIA, PANCETTA, LONZA) CON FUNGHI IN PADELLA PIATTO LUCANO

MISTO DI SUINO (SALSICCIA, PANCETTA, LONZA) CON FUNGHI IN PADELLA PIATTO LUCANO

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.
Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.

Un secondo veloce, appetitoso, con funghi che danno un particolare gusto. Spesso lo si serve come piatto unico.

INGREDIENTI per 4 persone:

  • 800 gr di suino misto ,

  • 350 grammi di funghi misti ,

  • olio extravergine di oliva q.b.

  • 1 spicchio d’aglio ,

  • mezzo bicchiere di vino bianco ,

  • sale ,

  • pepe q.b.

  • prezzemolo tritato.

PREPARAZIONE

Tagliare i funghi a pezzi grossolani, mettere in una padella antiaderente con olio e uno spicchio di aglio e fare riscaldare , aggiustare con sale e pepe e fare cuocere a fuoco alto per 8 minuti. Metterli da parte, togliendo l’aglio. Nella stessa padella aggiungere l’olio e fare scaldare a fuoco medio,disponete nella padella il misto di suino facendolo rosolare bene portandolo a un colore dorato.

Aggiustare di sale e pepe e aggiungere il vino bianco: lasciare evaporare la parte alcolica girando più volte il tutto e aggiungervi poi i funghi.

Lasciate cuocere tutto insieme a fuoco basso per circa 5 minuti, per amalgamare i sapori. Disporre sul piatto la carne e poi immettere in superficie i funghi preparati.

Ecco pronto il piatto.

Buon appetito!!

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

Annunci

SINTOMI DELLE INTOLLERANZE ALIMENTARI

SINTOMI DELLE INTOLLERANZE ALIMENTARI

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

sei-intollerante-vignetta_edited
Immagine tratta da web.

Negli anni della nostra esistenza  si nota un fiorire di intolleranze alimentari che condizionano porzione di tempo della nostra vita, numerosi i casi più popolari quelli di intolleranza al glutine ed al lattosio tra i più comuni, per poi arrivare verso altri percorsi che includono una lunga lista di alimenti. Il fastidioso impedimento si manifesta subito dopo aver ingerito uno specifico  alimento; anche una piccola quantità di cibi che causano allergie innescano una sintomatologia di problemi digestivi, quali: orticaria o meteorismo, si giunge ad  alcune persone, che presentano  sintomi gravi o reazioni molto pericolose per la vita.

intolleranza fastidiosa, ma non grave presenta sintomi da pochi minuti a due ore dopo aver assunto l’alimento colpevole. I più comuni  sono: formicolio o prurito in bocca orticaria, dermatiti o eczema gonfiore delle labbra, del viso, della lingua e della gola o altre parti del corpo vertigini o svenimenti stati alternati di diarrea e stipsi flatulenza meteorismo tensione addominale con crampi o dolore diffuso nausea e vomito afte e lesioni della mucosa orale herpes labiale alito cattivo disturbi del riposo notturno ansia stanchezza cronica difficoltà di concentrazione ed apprendimento ed inoltre, sostanze chimiche contenute negli alimenti e nelle bevande possono causare intolleranza, tra cui le amine contenute in alcuni formaggi e caffeina in caffè, tè e cioccolatini. Alcuni alimenti, come i pesci che non sono stati conservati correttamente, possono avere un accumulo di istamina; alcuni individui sono particolarmente sensibili a questa sostanza naturale e sviluppano eruzioni cutanee, crampi addominali, diarrea, vomito e nausea.

Ci possono essere molte cause di intolleranza alimentare, come per esempio l’assenza di alcuni enzimi necessari per digerire completamente gli alimenti e se alcuni di questi, sono mancanti o insufficienti, si può compromettere una digestione adeguata.

Una volta conosciuti gli alimenti ai quali si è intolleranti, si può iniziare a recuperare il soggetto, seguendo una dieta particolare di rotazione, in cui i cibi responsabili della risposta infiammatoria saranno reintrodotti nell’alimentazione gradualmente e seguendo uno schema specifico, per cui seguite sempre le indicazioni del vostro medico ,affinchè, non dobbiate sopportare disturbi molto fastidiosi che rendono il vostro quotidiano insopportabile.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

TAGLIATELLE AL FORNO VERSIONE LUCANA

TAGLIATELLE AL FORNO-ALLA LUCANA

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

Immagine tratta da Onda Lucana by Antonella Lallo 2017
Immagine di repertorio tratta da Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.

Le tagliatelle al forno sono sempre un primo piatto appetitoso.

INGREDIENTI :

  • 500 gr di tagliatelle ;

  • 500 gr di carne tritata ( 250 gr maiale e 250 vitella);

  • 500 gr fiordilatte;

  • 1 soppressata;

  • 1,5 Kg di pomodori pelati ;

  • 200 gr di pecorino grattugiato;

  • 1 cipolla;

  • 2 carote ;

  • sedano ;

  • basilico.

PREPARAZIONE

Soffriggere cipolla, carote e sedano,tagliati a piccoli pezzi. Aggiungere gradualmente la carne tritata. Quando il tutto sarà ben rosolato, aggiungere i pomodori passati e così far cuocere senza farlo diventare troppo denso, poi abbondante basilico e sale q.b.

Prendete le tagliatelle e fatele cuocere in abbondante acqua salata. Scolate al dente, mettetele in una zuppiera e conditele con ragù, fiordilatte,soppressata tagliata a pezzi e pecorino grattugiato.

Prendere una tortiera cospargere sul fondo con una piccola quantità di ragù e disporre le tagliatelle condite nella tortiera.

Coprire la superficie con abbondante ragù e pecorino grattugiato,cuocere in forno a 200° per circa quarantacinque minuti, fino a che non si sarà formata una crosticina croccante.

Abbiamo abbinato come vino l’Aglianico del Vulture doc.

Buon appetito amici.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

SPINACI E CAROTE IN PADELLA

SPINACI E CAROTE IN PADELLA

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo 

Immagine tratta da Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.
Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.

Questo è un contorno colorato e leggero da portare in tavola.Le carote oltre che dare colore al piatto, rendono più dolci gli spinaci.Basta poco per rendere fantasioso una ricetta semplice e popolare.Ci vuole più tempo per pulire gli spinaci, che cucinare la ricetta.

INGREDIENTI:

  • 3 mazzetti di spinaci;

  • 3 carote;

  • 1 spicchio di aglio;

  • 1 peperoncino;

  • olio extravergine d’oliva;

  • sale q.b.

PREPARAZIONE

Lavate gli spinaci e poi tamponate con carta assorbente.

Mettete gli spinaci in una pentola con poca acqua e sbollentateli per qualche minuto, per poi scolare l’acqua.

Sbucciate le carote e tagliatele, scaldate un filo di olio con uno spicchio di aglio e un peperoncino in una padella antiaderente,inserite le carote, salate e fate cucinare pochi minuti.

Aggiungete gli spinaci, aggiustate di sale e saltate le verdure in padella sin quando si amalgamerà il tutto.

Pronto un buon piatto saporito da gustare in famiglia.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo 

MELANZANE AL FORNO CON CAPOCOLLO, MOZZARELLA E PECORINO.

MELANZANE AL FORNO CON CAPOCOLLO, MOZZARELLA E PECORINO.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

Antonella Lallo by Onda Lucana 2017
Immagine tratta da Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.

Le melanzane Lucane al forno sono appetitosi e gradevoli al palato.

INGREDIENTI:

  • 600 gr di melanzane,

  • 250 gr di Mozzarella,

  • 150 gr di capocollo,

  • 200 gr di pecorino grattugiato,

  • pane grattato,

  • olio extravergine di oliva,

  • prezzemolo q.b.

  • sale q.b.

PREPARAZIONE:

Tagliate a fette sottili le melanzane, togliete l’acqua amarognola, per circa 1 ora tenetele sotto sale. Poi fate asciugare su carta e gratinatele.

Prendete una teglia e ungetela di olio poi cospargere il pangrattato e mettete la prima fila di melanzane. Sovrapponete la mozzarella fatta a dadini con prezzemolo spolverata di formaggio grattugiato,fettine di capocollo.

Alternate gli strati di melanzane fino ad esaurimento, spolverando con il pangrattato in superficie.

Mettete in forno per circa 30 minuti a 180 gradi.

Buon appetito amici.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

INSALATA DI POMODORI E PEPERONI CON FRIGITELLI VERDI (dell’orto Lucano).

INSALATA DI POMODORI E PEPERONI CON FRIGITELLI VERDI (dell’orto Lucano).

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

22330691_576486649188569_1420775093_n
Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Antonella Lallo 2017.

L’insalata di pomodori e peperoni è un contorno colorato, fresco e saporito. A volte bastano pochi ingredienti per preparare un piatto di verdura gustoso e perfetto e veloce. I pomodori sono poveri di grassi, in essi si trovano i carboidrati. Nella parte acquosa i pomodori hanno sali minerali e oligominerali importantissimi per l’organismo. In particolare, tra tutti predomina la presenza del potassio, del fosforo, del calcio. Tra gli oligoelementi sono presenti il ferro, lo zinco e il selenio. La buccia è ricca di fibre di cellulosa. Il pomodoro contiene inoltre importanti acidi organici, aventi importantissime funzioni per l’organismo: l’acido malico, l’acido arabico e quello latteo, insieme all’acido citrico. Per quanto riguarda invece le vitamine, il pomodoro contiene un’elevata quantità di vitamina C, la vitamina A sotto forma di betacarotene e le vitamine del gruppo B. I peperoni contengono sali minerali quali fosforo, magnesio, potassio, ferro e calcio. Anche una percentuale di vitamina C quattro volte maggiore che negli agrumi con la conseguente capacità di aumentare la resistenza alle infezioni; inoltre irrobustisce i muscoli e favorisce l’assorbimento del ferro.

INGREDIENTI :

  • peperoni friggitelli,

  • pomodori,

  • origano q.b.

  • olio extra vergine d’oliva,

  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Lavare i pomodori e i peperoni. Per pulire il peperone: togliere il picciolo, tagliare a falde,togliere la nervatura centrale bianca con i semi. Una volta pulito e lavato si deve procedere per poi tagliarlo a pezzi,eseguire la stessa procedura per i pomodori. Mettete pomodori e peperoni in una ciotola, condire con origano, un filo d’olio extravergine d’oliva e sale.

Servite.

Tratto da:Onda Lucana by Antonella Lallo

VITAMINA C: CHE COS’È, A COSA SERVE E DOVE TROVARLA.

VITAMINA C: CHE COS’È, A COSA SERVE E DOVE TROVARLA.

Tratto da :Onda Lucana by Antonella Lallo

 

Happiness-990x620_edited_edited.jpg
Immagine tratta da repertorio web.

La vitamina C è uno dei nutrienti importanti del nostro organismo, la carenza può portare a conseguenze. Tuttavia, oggi il quantitativo necessario non è difficile da raggiungere, visto che le possibilità di trovarla negli alimenti, sicuramente non mancano.

LE FUNZIONI DELLA VITAMINA C

Una delle funzioni principali svolte dalla vitamina C è quella della sintesi del collagene, che viene prodotto per riparare le ferite riparandole, oltre a proteggere esternamente gli organi formando una rete di protezione.

Importante per gli ormoni tiroidei: in pratica, per essere secreti gli ormoni tiroidei devono essere a loro volta stimolati da altri ormoni, prodotti nel cervello in base alla necessità. Se non venissero prodotti (perché manca la vitamina) verrebbero meno gli effetti di termoregolazione, di metabolismo, di crescita dei capelli e di funzionalità degli organi interni.

Altra funzione è quella della sintesi degli acidi biliari, che hanno lo scopo di emulsionare (spezzare) i grassi rendendoli più facilmente digeribili ed assimilabili (altrimenti finirebbero così come sono nelle feci). E, sempre nell’intestino, rende il ferro assimilabile, mentre a cose normali non lo sarebbe.

DOVE SI TROVA LA VITAMINA C La vitamina C, nonostante sia essenziale per l’uomo e per gli animali, non viene prodotta dagli organismi animali, ma bisogna assumerla attraverso l’alimentazione vegetale. Tra gli alimenti vegetali, quelli che ne contengono di più sono i peperoni, infatti anche cotti forniscono tantissima vitamina C; stesso vale anche per il peperoncino  di uso nell’ambito della gastronomia per dare quel tocco di forte sapore, anche se le quantità sono minime (perché di peperoncino se ne mette poco).

Seguono poi alcuni tipi di prodotti; broccoli,  cavoletti di Bruxelles che ne contengono discreta quantità, seguite dal Kiwi, uno dei frutti che ne è più ricco in assoluto. E poi ci sono gli agrumi, che sono a pari merito con le fragole: il collegamento automatico agrumi-vitamina C è una credenza del passato, ci sono alimenti che contengono molta più vitamina C rispetto ad altri. Insomma, con le possibilità che abbiamo oggi certo non ci sono problemi di assunzione, ma deve essere sempre ribadita l’importanza di una dieta sana ed equilibrata: se non la si esegue , i rischi di carenza ci sono, anche nella società sofisticata che oggi viviamo nel totale confort  del benessere.

Tratto da :Onda Lucana by Antonella Lallo