VIA PRETORIA

via-pretoria
Via Pretoria Potenza-Immagine tratta da Web.

Tratto da:Onda Lucana by Domenico Friolo

VIA PRETORIA.

Siamo sempre noi, consueti soliti,
ad inerpicarci sulle rampe che danno
alle risalite del colle, sulla cui sommità
ci ritroviamo e rivediamo ogni sera.

La nostra via per eccellenza:
lunga, angusta, spigolosa,
dove il fitto mormorio, ronza nei timpani
e lo struscio si accompagna al ticchettio.

Serenità, nei volti curati, appagati già,
dal solo esserci, o dal cortese:
Cumpà, pigliamm’c nu cafè !
E già, quì, è l’acqua che fà il caffé.

Quanto orgoglio in una stilla d’acqua,
quanta felicità nel dire: che aria buona
il tutto rende loquaci nel via vai consueto.
E passa la sera… noi, immersi nelle luci.

Le vetrine attirano, si osserva, si commenta,
le donne sfoggiano sorrisi, eleganza, bellezza
attirano sguardi che magnificano, lodano.
Poi, infine, ci si augura la buona notte.

Al rintocco delle campane a mezzanotte,
chiese, delle qualii, ognuno ha la sua nel cuore:
San Gerardo, San Michele, San Francesco, altre,
si ode l’abituale promessa: gn vremm diman.

Ci si infila nei vicoli, posti ai lati della via
con il pensiero rivolto al prossimo giorno,
diretti verso l’auto, si invita un conoscente,
a salire a bordo e non lasciarlo appiedato.

Questa è via Pretoria, antica come il nome,
questi sono i potentini, orgoglio pretoriano.
Fieri, legati alla città, alle sue porte, alle sere
tipiche del meridione: siamo noi, di via Pretoria.

Domenico Friolo 15 12 2016 MR

MIER E NON V’NAZZA

Domenico Friolo e le sue poesie su Onda Lucana
(si ringrazia per la cortese concessione)
Foto:prodotta da Domenico Friolo
2 h · Marburgo, Assia, Germania

14656337_1213029878758735_1569626946122697935_n
Attagnavano
nei cortigli
botti e tini
ricolmi d’acqua.
Serravano
crepanze
fino al sigillare
ermetico: sicuro.
Nelle vigne,
canti e sorrisi,
grappoli folti
di bruna Aglianica.
In vie e contrade,
aleggiava principesco
il profumo di mosto.
Nei declivi
del generoso vulcano,
piedi si accingevano
a pigiare, i gonfi acini.
Cantine svuotate
dall’antica lava:
ancora gli stessi
templi in attesa,
pronti ad accogliere
l’ellenico frutto
del vitigno
di ceneri
e lapilli spenti.
Felici genti:
prestigiosi vignaioli
in barba ai sommelier,
è unico l’Aglianico.

by Domenico Friolo.